Double Review: E’ solo colpa tua di Robin C. | Love is in the books

Salve lettori e buon inizio settimana!
Domani sarà già Agosto!!! Sigh – #Brevestoriatriste 😦 [passiamo a fatti seri].
Non poteva mancare il nostro parere su questo meraviglioso romanzo, il nuovo romanzo di Robin C. dal titolo E’ solo colpa tua , pubblicato dalla casa editrice Newton Compton Editori. Ci siamo munite di tanta ‘pazienza emotiva’ – perché nella prima parte ve ne servirà tantissima per non farvi venire un raptus omicida nei confronti del protagonista maschile 😛 – e abbiamo letto il romanzo per voi. Ci teniamo a precisare che la prima parte di questo libro era stata precedentemente pubblicata in versione self con il titolo di Betrayal  – bello eh? Un titolo che non ha bisogno di spiegazioni!. Venite a scoprire cosa pensiamo del romanzo ! 😀  

e-solo-colpa-tua_9016_x1000

 

Autrice: Robin C.

Titolo:
 E’ solo colpa tua


Casa editrice:
 Newton Compton Editori 

Genere: Contemporary/Erotic Romance 

Data di pubblicazione: 
26 Luglio 2017


Prezzo ebook:
 4.99€


Prezzo cartaceo:
 7.99€ (27 Luglio)

Trama: Andrew Thomas Carmody è un giovane medico dall’avvenire luminoso. Futuro primario di neonatologia, è considerato una leggenda vivente all’interno del Presbyterian, l’ospedale in cui lavora. È un uomo dall’aspetto affascinante: alto, atletico, con un viso dai lineamenti virili e dai colori delicati, una vera calamita per gli occhi di ogni donna e al contempo una chimera per chiunque lo corteggi. Andrew è infatti felicemente sposato con il suo primo amore, Alexandra, ideale di grazia e bellezza femminile. La loro è una storia d’amore da favola, fino a quando il corpo scandaloso e l’esplosiva audacia della giovane Evalyn non si insinuano in quel quadro perfetto mandandolo in pezzi. Sensualità e scene di realismo straordinario, sentimenti e sensazioni accompagneranno il lettore in una dimensione nuova. Lasciarsi andare e godere di ogni singolo istante passato in compagnia dei protagonisti di questa storia incendiaria sarà l’unica via possibile.


recensione

La recensione di Chicca

Quando affermo solennemente che ci sono libri e Libri , lo faccio perché ce ne sono alcuni che tendono a infilarsi , inconsciamente, nella pelle del lettore e ad aiutarli a crescere. Non dimenticherò mai la prima volta che ho letto Betrayal. Su consiglio di un’amica, mi fiondai a leggere la trama e rimasi … bloccata.

L’incanto idiota in cui si era cullata per troppo tempo era ormai alla fine dei suoi giorni e le sue fantasie nostalgiche avrebbero lasciato presto spazio a un futuro reale e buio. La maschera di entrambi stava per crollare e avrebbe esposto alla vista del mondo la loro reciproca imperfezione,
la loro triste umanità.

Non avevo ancora acquistato la mia copia che già, nella mia testa, uno tsunami di voci aveva preso il sopravvento: non lo comperare, non puoi farti questo, è troppo difficile per te affrontare queste tematiche ora, non leggere questo libro; ma la parte masochista del mio Sé non ha voluto sentir ragioni ed è bastato il prologo per mettermi letteralmente in ginocchio. Non dimenticherò mai il mio sguardo appannato dalle lacrime, mentre trattenevo a stento tra le mani il lettore ebook fermo alla frase “Spero ne sia valsa la pena”. Non dimenticherò i battiti persi del mio cuore.

 Il cuore gli si fermò e la bocca si spalancò per l’orrore.
No. No. No. No.
Tornò a guardarla, implorandola con gli occhi.
Ma trovò solo un abisso di dolore e odio.
E finalmente la sua voce:
«Spero che ne sia valsa la pena, Andrew».

La storia che ci viene narrata è quella di Andrew Thomas Carmody, futuro primario del reparto di pediatria del Presbyterian Hospital, e di sua moglie, Alexandra Reynolds.  Suddiviso in due parti, l’autrice ci presenta uno scenario straziante e di grande impatto emotivo nel prologo (che non starò qui a raccontarvi). Infatti, sin dall’inizio, ci viene esposto l’evento che farà da punto di rottura dell’intero romanzo.

«Lo vedi, Andrew?», disse con un tono sarcastico.
«Non sai nemmeno più distinguere tra farsi fottere e farsi amare».

Preso dal suo lavoro, Andrew non riesce più a trovare quella spinta, quella passione e quel desiderio che prima provava per sua moglie, tanto da spingersi tra le braccia di un’altra per trovare rifugio da quella che ormai era vissuta da lui come una prigione dorata fatta di noia e abitudini. L’autrice ci permette di conoscere meglio il suo personaggio e cosa si cela dietro la sua discesa negli Inferi; cosa lo ha portato ad abbandonare la mano dell’amore della sua vita, voltargli le spalle in nome della tentazione, della perdizione.  A volte cerchiamo in altri quello che la persona al nostro fianco potrebbe darci, se solo ci sforzassimo di aprirci, di essere sinceri prima con noi stessi. 

In un momento di onestà  si era detto che forse era proprio la perfezione della moglie a metterlo a disagio e che invece di cercare altrove avrebbe potuto provare con lei a soddisfare le proprie fantasie.
Ma alla fine non ne era stato in grado, perché gli sarebbe sembrato di violare una divinità  irraggiungibile alla quale mai avrebbe potuto chiedere di umiliarsi mettendosi in ginocchio di fronte a lui.

Se nella prima parte, il lettore è consapevole di viaggiare su un treno destinato a deragliare, la seconda parte è stato un viaggio verso l’amore, non senza sofferenze, dolore e tanta voglia di andare avanti. Non nego di essere stata timorosa, perché ho sempre ammesso di aver adorato il finale d’origine ( il finale dell’edizione self del romanzo, ovvero quello della prima parte di E’ solo colpa tua). Riscoprire il personaggio di Andrew è stato un viaggio che rifarei altre mille volte, nonostante sia uno dei personaggi maschili che più è riuscito a ferirmi. Grazie a questa parte inedita, ho riflettuto molto, ho compreso molte cose e realizzato altre e penso che non smetterò mai di ringraziare la scrittrice per questo

Aveva capito d’essere stato lui a collocarla in una dimensione di noiosa purezza, era stato lui a non volerla sporcare. Aveva scisso sesso e amore, pensando di dover scegliere. Troppo tardi aveva scoperto che era possibile avere entrambi, che era possibile amarla e desiderarla ancora.

Molto risalto viene dato anche alla figura del personaggio femminile di Alexandra, vista come vittima nella prima parte. In una relazione può capitare che una delle due parti possa perdere la via di casa ma questo non significa che l’altra parte sia innocente o che non possa commettere errori. Penso che il dialogo sia una delle fondamenta necessarie affinché una qualsiasi relazione possa avere modo di esistere. Ho adorato il suo personaggio perché mi sono immedesimata solo ed esclusivamente in lei ed è stato tanto straziante quanto emozionante vederla toccare il fondo per poi risalire più forte che mai. Non chiedetemi di parlarvi del personaggio di Evalyn perché, per me, è Colei che non deve essere nominata. E’ un personaggio che ho mal digerito e che schiaccerei volentieri come una zanzara – perché io le mosche non le uccido.  Il sesso è una parte importante di questo romanzo e le scene sono ben descritte, con numerosi dettagli utili all’immaginazione del lettore, la cui mente viene soggiogata da scenari erotici e sensuali. Ad oggi posso affermare che una cosa è certa: la penna della Robin C. non lascia mai scampo!.

VALUTAZIONE: 10/10

firmachicca


La recensione di Annie

Leggere questo libro per me è stato devastantePer la storia, per i personaggi, per le emozioni che mi ha dato e che mi hanno fatta sentire una donna distrutta.
Mi sono totalmente immersa nei panni di Alex, che ho provato difficoltà a gestire le sensazioni che questa lettura mi lasciava man mano che proseguivo: ho perso il conto di quante volte avrei voluto buttare il Kindle fuori dalla finestra e di quante volte io l’abbia chiuso per non lasciarmi ferire ancora di più. Ad ogni capitolo un coltello affondava la sua lama nel mio cuore facendolo sanguinare. Non so cosa mi abbia dato il coraggio di continuare fino alla fine, forse la curiosità, forse la voglia di vendetta verso Andrew ma sono felice di aver concluso questa storia bellissima, sofferta e travolgente come poche.

Aveva ceduto alla sua giovane corteggiatrice desiderandone le mani, gli occhi, i baci. Non il cuore.
Mai il cuore.

Andrew è il personaggio più infimo con cui ho avuto a che fare ultimamente; uno dei personaggi che mi ha fatto imprecare come una scaricatrice di porto, come non succedeva da parecchio e ce ne vuole per rendermi instabile emotivamente! Però è anche quel personaggio che, nonostante tutto, non sono riuscita ad odiare e di ragioni ce n’erano a migliaia.

Chi era lui? Un mostro, un egoista, o solo un debole?

Alexandra, invece, è la mia eroina. L’ho amata sin dal prologo, dalla frase “Spero che ne sia valsa la pena, Andrew“. Una donna fantastica che non si può non ammirare. Una donna che mi ha fatto piangere e sentire brividi di qualsiasi tipo.

Il suo dolore era il mio.
Le sue emozioni erano le mie

Di questo libro mi rimane tanto perché i libri in cui ti senti così coinvolta lasciano segni dentro di te. Una domanda che mi sono fatta spesso mentre leggevo era “se si potesse, davvero, mandare all’aria una cosa così bella solo per il gusto di avere qualcosa che in realtà sarebbe bastato chiedere?“. Siamo vittime delle abitudini, siamo vittime di come gli altri ci vedono, basterebbe parlare, dialogare, guardarsi negli occhi un po’ di più e magari non dare sempre tutto per scontato, per non perdere delle cose preziose, rapporti preziosi. 

Non tutti sono in grado di rendersi conto dell’esatto momento in cui un matrimonio finisce. Non tutti possono ricordare la scena così nitidamente e chiaramente. Non tutti si spezzano così di netto e all’improvviso perdendo una parte del Sé che li ha definiti per molti anni.

E’ un libro che mi ha scombussolata ma è anche uno di quei libri che ti fa risorgere come una fenice dalle proprie ceneri. 

Intenso.
Distruttivo.
Passionale.
Uno dei libri migliori che abbia letto quest’anno. 

Complimenti all’autrice che avevo già conosciuto e apprezzato con la storia di Mathias nel libro Tra di noi nessun segreto. I suoi libri hanno una marcia in più. 😉 

VALUTAZIONE: 10/10

firmaannie

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...