RECENSIONE: La notte che ho dipinto il cielo di Estelle Laure | Love is in the books

Salve lettori ! ❤

In questo articolo vi parlo di un libro che mi ha piacevolmente stupito e intenerito: La notte che ho dipinto il cielo di Estelle Laure, edito dalla Casa Editrice De Agostini.

Andiamo a vedere la scheda 🙂

11181892_1162600670417391_2710936002220510170_n

Autore: Estelle Laure

Titolo: La notte che ho dipinto il cielo

Genere: Young Adult

CE: De Agostini

Prezzo ebook: 6,99€

Prezzo cartaceo: 14,90€

Trama: Quanti volti ha l’amore?

Per Lucille, diciassette anni e una passione per l’arte, l’amore ha il volto della sorellina Wrenny. Wrenny che non si lamenta mai di niente, Wrenny che sogna un soffitto del colore del cielo. E poi ha il volto di Eden. Eden che è la migliore amica del mondo, Eden che sa la verità. Quella verità che Lucille non vuole confessare nemmeno a se stessa: sua madre se n’è andata di casa e non tornerà. Ora lei e Wrenny sono sole, sole con una montagna di bollette da pagare e una fila di impiccioni da tenere alla larga. Prima che qualcuno chiami i servizi sociali e le allontani l’una dall’altra.
Ma è proprio quando la vita di Lucille sta cadendo in pezzi che l’amore assume un nuovo volto: quello di Digby. Digby che è il fratello di Eden, Digby che è fidanzato con un’altra e non potrà mai ricambiare i suoi sentimenti. O forse sì?
L’unica cosa di cui Lucille è sicura è che non potrebbe esserci un momento peggiore per innamorarsi…


recensione

Questo libro è BELLISSIMO!
Mi sono incantata a leggerlo per la sua semplicità ma anche per la sua profondità. E’ semplice ma profondo, un mix perfetto.

Lucille è una ragazzina di diciassette anni con una sorella di dieci anni, Wrenny, a cui badare.
La madre, un giorno, decide di partire per una vacanza e di non tornare più a casa. Non manda soldi, non telefona, nessuno sa che fine abbia fatto. 

“Tranquilla” dice Shane dandomi un colpetto sulla spalla.
“Sono pazzi tutti quanti, sai. Lo capisci dopo un po’. Cambia solo il tipo di pazzia e la nostra voglia di conviverci oppure no. Questo lo decidi tu. Per il resto, non puoi farci nulla.”

Il padre è un pazzo ed è rinchiuso in un centro. In via di guarigione, certo, ma sempre un pazzo che, tempo fa, aveva aggredito sua moglie.
Questa ragazza, non è molto fortunata con i genitori che le sono toccati.
Si ritrova da sola con la sorella più piccola a dover affrontare tutte le spese e le difficoltà che la vita le presenta.
All’inizio è decisa a raccontare un sacco di bugie per coprire l’assenza della madre e per non far scoprire in che situazione si trovano lei e Wrenny, anche perché se lo venissero a sapere le autorità, lei e la sorella, sarebbero affidate a famiglie diverse e, quindi, divise.

«Solo perché non si vede non significa che la crepa non ci sia.»

Gli unici punti fermi nella vita di Lucille sono la sorellina,  la sua migliore amica, Eden, e Digby, il fratello gemello di Eden. I gemelli sono gli unici a sapere tutto, gli unici che possono aiutarla come possono e a fare a turno per stare con la sorellina mentre Lucille lavora per mandare avanti la baracca.

«La maggior parte delle persone passa la vita a vacillare. Non si concedono mai di cadere, neanche di provarci. Vanno avanti a fare quello che pensano di dover fare. Non cercano mai di scoprire qual è la loro vera natura, perché significherebbe tirare fuori un coraggio che molti non hanno.»

Questo libro mi ha fatto una tenerezza infinita. Mi sono sentita molto vicina alla protagonista anche grazie al modo di scrivere dell’autrice che ha saputo trascinarmi all’interno del libro.
Ero io quella che viveva quelle situazioni;
Era a me che lo stomaco si contorceva quando vedevo le cose andare nel verso sbagliato;
Ero io quella che aveva le farfalle nello stomaco quando sulla scena compariva Digby;
E sono ancora io quella che ha pianto con Lucille, per la sua forza, per tutto quello che ha dovuto passare, per la guerriera che si è dimostrata di essere e per il grande cuore che ha.
Non tutti sarebbero stati in grado di affrontare una situazione del genere e di prendere le redini in mano…e tutto questo per amore. L’amore l’unica forza che riesce a smuovere il mondo.

Quanti tipi di amore ci sono? La protagonista li ha protetti tutti, con le unghie e con i denti sacrificando, addirittura, lei stessa. ❤

Vi lascio con una frase che la rispecchia appieno: 

Che senso ha vivere, se non sei disposto a lottare per ciò che di vero hai nel cuore, se non sei disposto a rischiare qualche ferita?

VALUTAZIONE: 10/10

firmaannie

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...