Recensione: Una bellissima colpa di Rebecca Done | Love is in the books

Salve lettori,
oggi vi parlo di un thriller pubblicato ultimamente dalla casa editrice Piemme, ovvero Una bellissima colpa di Rebecca Done.
Il thriller parla di un amore proibito, di un amore non concesso, distrutto.
Parla della storia di Jessica Hart e del suo professore di matematica Matthew Landley.

30644306

 

Autore: Rebecca Done

Titolo: Una bellissima colpa

CE: Piemme

Genere: Thriller

Prezzo E book: 9,99 €

Prezzo cartaceo: 19,00 €

Trama: Jessica Hart non ha mai dimenticato Matthew Landley. Dopo tutto, è stato il suo primo amore, quando lei aveva appena quindici anni. Ma lui, trentenne bello e misterioso, aveva la colpa di essere anche il suo professore di matematica. E il loro amore era inesorabilmente finito in tragedia, con una condanna per lui e la macchia dello scandalo per lei. Ora, molti anni dopo, Jessica si è costruita la sua vita e, a quanto pare, lo ha fatto anche Matthew. O almeno così sembra quando ritorna nel Norfolk, con una nuova identità, insieme a una moglie e una bambina che non sanno nulla del suo passato. E quando Jessica se lo ritrova sulla soglia di casa, l’intreccio di emozioni è schiacciante: sorpresa, senso di colpa, attrazione, paura. Cosa vuole da lei Matthew? Come può ancora volerla dopo tutto ciò che ha subito a causa sua? Ma è chiaro che il loro vecchio amore è ancora lì, ad attrarli irresistibilmente, anche se Jessica sa che dovrebbe solo star lontana da un uomo che ormai non conosce più. E che forse non ha mai conosciuto davvero. Perché, la notte che segnò la fine della loro storia, accadde dell’altro. Qualcosa che soltanto loro due possono sapere.


a

Immagina di rivedere
dopo diciassette anni,

il grande amore della tua vita.

Una bellissima colpa racconta l’amore proibito di una ragazza minorenne, Jesse, con il suo professore di matematica, Matthew.

Peccato che lui, di questi anni,
una buona parte l’abbia passata in prigione.

Per causa tua…

Da una disputa iniziata in classe, i due si avvicinano giorno dopo giorno, iniziando a porre le basi di una relazione clandestina. I sentimenti che ne scaturiscono durante la lettura sono devastanti e li senti tutti: ti travolgono.

«Ci vengo».
Allora, ovviamente, non potevo saperlo, ma il semplice atto di iscriverla,
quel pomeriggio, segnò il momento in cui la marea iniziò a salire.

Il libro alterna i capitoli ambientati nel presente, nei quali vediamo Jesse alle prese con Will (alias Matthew) che ha cambiato nome per non far sapere alla sua nuova famiglia, moglie e figlia, il suo passato; e i capitoli appartenenti al passato raccontati da Matthew che vedono come protagonisti la piccola e fragile Jesse con il primo amore della sua vita. 

«Sei venuto qui credendo che ti odiassi?»
«Si»

Ogni capitolo è un tassello in più alla verità.
Cosa è successo davvero a Jesse e Matthew?
Hanno dovuto trascorrere anni lontani, divisi da prigioni, servizi sociali e scelte incombenti che portano sempre le persone a cambiare del tutto il corso della loro vita.

«Devi dimenticarmi, lo capisci?» le dissi.
«Sono il bastardo peggiore che possa esistere».

Togliendo il famoso professor Gabriel Emerson, devo dire che Matthew Landley è il secondo professore a colpirmi per alcuni aspetti, come il senso dell’umorismo di quest’ultimo.
La storia ti trasporta, lasciandoti annegare nel senso di dolore, di perdita, di abbandono, di rancore, di paure, di panico, di solitudine, di amore che ha caratterizzato tutta la loro vita, o perlomeno dall’inizio della loro prima volta, quando tutto ormai era andato a farsi benedire.

«Sei tu» mormorò. Quelle parole morirono sulle labbra di lei.
«Sei stata sempre e solo tu».

Alla fine Will si è presentato alla porta di Jesse dopo altri cinque anni… (non vi spiegherò mai cosa è successo per far passare altri cinque anni, oltre i diciassette già passanti) ma l’ultimo capitolo mi ha lasciata con un senso di vuoto e sbigottita, della serie “Che cavolo mi sono persa?” . Può essere che, data la mia ignoranza in lettura thriller (questo è solo il secondo che leggo appassionatamente), mi sia persa qualcosa di cruciale durante il percorso. Togliendo questo, sempre secondo “l’ignorante di thriller”, il libro ha ben poco appartenente al genere o perlomeno a quella che è la mia idea di libro thriller;  lascio la parola agli esperti.
Resta il fatto che per chi ama le storie d’amore tormentate, il libro è ideale. 

Può il destino separare due persone che si amano?

Lo stile della scrittura, nonostante non sia quello che caratterizza i libri che leggo di solito, non mi è pesato per nulla e la lettura è stata per lo più scorrevole; solo in qualche punto ho avvertito un prolungamento nelle descrizioni.
Devo contattare l’autrice per farmi togliere qualche dubbio !
xoxo,
Chicca.

Valutazione: 7/10

3 stelline

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...