RECENSIONE: LA MIA MERAVIGLIOSA RIVINCITA DI PENELOPE DOUGLAS

Salve readers!!

Oggi vi parlo di Madoc e Fallon, i due protagonisti di La mia meravigliosa rivincita , secondo libro della The Fall Away Series scritta da Penelope Douglas e pubblicata qui in Italia dalla Newton Compton Editori. 

Andiamo a scoprire la scheda di questo libro fantastico! 😀

51sC3EqcRNL._AC_UL320_SR204,320_

 

Autore:  Penelope Douglas

Titolo: La mia meravigliosa rivincita

Serie: The Fall Away

CE: Newton Compton Editori

Genere: New Adult

Prezzo e book: 4,99€

Prezzo cartaceo: 9,90€

Trama: Sono passati due anni dall’ultima volta che si sono visti. Due anni in cui non hanno fatto altro che covare rancore reciproco. Ma la verità è che Madoc e Fallon sono stati ingannati e tenuti lontano l’uno dall’altra dai rispettivi genitori. E ora che Fallon è tornata, vuole vendicarsi di tutto il dolore che è stata costretta a sopportare. Solo che non ha messo in conto il brivido di rivedere Madoc. Forse, nonostante tutto, i suoi sentimenti per lui non sono così cambiati… Madoc, dal canto suo, proprio non riesce a detestarla come vorrebbe…

________________________________________________________________

pd-3

Ricordate che qualche giorno fa vi avevo già parlato dei due protagonisti precedenti? Ebbene, la situazione tra Madoc e Fallon è per qualche verso analoga alla situazione vissuta tra Jared e Tate, perché Jared si era sentito abbandonato quando Tate partì. Allo stesso modo Madoc era crollato alla partenza di Fallon, 2 anni prima. Quindi riaverla per casa dopo quel tempo faceva riemergere vecchie sensazioni, ma soprattutto vecchie problematiche create e accentuate dal rapporto tra i loro genitori. Fallon, in effetti, è la sorellastra di Madoc, (Però!!! Tirate un sospiro di sollievo: nessun legame di sangue lega i due fanciulli! 🙂 ) in quando il padre di quest’ultimo è sposato con la madre di lei.

«Non ho mai detto quelle cose ai nostri genitori», disse lei, interrompendo il corso dei miei pensieri.

I nostri genitori? Che c’entravano loro adesso? «Non hai mai detto cosa?». Mi tirai sul quel tanto che bastava per guardarla.

«Ti hanno mentito». Fallon mi accarezzò i capelli e osservò il cielo. «Non ti ho mai rimproverato per quello che abbiamo fatto, Madoc. Loro ci hanno scoperto e mi hanno mandata via».

Strinsi gli occhi, alzandomi e piazzandole entrambe le mani ai lati della testa. «Mi stai dicendo che non hai mai avuto intenzione di lasciarmi?».

Ho adoro Madoc e Fallon perché hanno due caratteri forti, sono in grado di superare qualsiasi cosa, qualsiasi ostacolo che gli altri hanno messo sul loro cammino. La loro storia mi ha colpita molto, anche perché all’inizio del libro non era ben chiara la situazione dei fatti. Diciamo che il loro passato viene spiegato man mano, tipo come un puzzle che si componeva davanti a me. Ad ogni capitolo si aggiungeva qualche particolare prezioso e diventava una storia sempre più dai temi forti, temi che sono duri da affrontare all’età dei protagonisti.

Il rapporto tra i due mi ha fatto emozionare…sono riusciti a non farsi dividere e a creasi il loro spazio; anche durante le tempeste, loro si ritagliavano momenti che sarebbero poi diventati splendidi ricordi.

Attaccò All I Want Is You degli U2. Madoc cominciò a dondolare, spostando il peso da un piede all’altro. Io poggiai la fronte contro la sua, ascoltandolo mormorare le parole della canzone e sforzandomi di trattenere le lacrime. Mentre la canzone arrivava al clou, noi continuammo a dondolare lentamente. Io ogni tanto gli sfioravo le labbra con un bacio. Tutto che ciò che voglio sei tu.

Questo libro mi ha fatta riflettere su molte cose, perché la Douglas ti mette nella condizione di immedesimarti nella storia che stai leggendo ed è bellissimo perché ti senti parte integrante di essa! Senti le emozioni dei protagonisti sulla tua pelle, come scariche che ti arrivano dentro, quasi tu vivessi in simbiosi con loro. Una delle cose che questo libro mi ha insegnato è che il DIALOGO viene prima di tutto e in ogni campo: che sia FAMIGLIA, che sia AMICIZIA, che sia AMORE. Soprattutto in questo frangente, le cose non dette corrodono l’anima e distruggono i rapporti.

Vi saluto proprio con una frase detta dal padre di Madoc ai due protagonisti 🙂

«Litigate. Litigate fino in fondo. Non uscite di casa arrabbiati, non andate a dormire arrabbiati. Litigate finché non vi chiarite. Quando si smette di litigare si comincia a rassegnarsi».

Baci, baci
dalla vostra Annie. ❤

 

Valutazione: stelline

Autore:  Penelope Douglas vive e insegna a Las Vegas. Nata a Dubuque, Iowa, ha conseguito una laurea in Amministrazione pubblica, poi un Master in Scienza dell’educazione alla Loyola University di New Orleans. La Newton Compton ha già pubblicato Mai per amore, Da quando ci sei tu e La mia meravigliosa rivincita. Per saperne di più potete seguirla su Twitter e Facebook e su www.penelopedouglasauthor.com.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...